Leccaculo

Di etimologia intuitiva, in senso traslato vuol dire ruffiano, adulatore. Era l’epiteto diretto ad un’associazione forense che ha portato alla condanna per diffamazione di un’avvocata genovese (43060/07). Analogo giudizio espresso sul termine dalla corte di appello di Napoli (5.07.11). Le cose si complicano qualora l’oggetto del leccamento siano contemporaneamente culo e piedi, sicché la frase <se fosse stata la precedente direttrice le avresti leccato il culo e i piedi> in un primo tempo era stata ritenuta dal tribunale di Catania (9.05.139) come una censura a un comportamento che non intacca la personalità, essendo diretta alla condotta e non alla persona. Di parere opposto invece la Cassazione che ha ribaltato la decisione (35013/15).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *